Albano nella lista nera dell’Ucraina: ‘Minaccia alla sicurezza nazionale’

Albano nella lista nera dell'Ucraina: 'Minaccia alla sicurezza nazionale'

Albano Carrisi è stato inserito nella lista nera dell’Ucraina. Secondo il Ministero della Cultura ucraino, il cantante italiano si considera una ‘minaccia alla sicurezza nazionale‘.

Il Ministero della Cultura ucraina, in base alle richieste del Consiglio di Sicurezza e Difesa Nazionale dell’Ucraina, dei servizi di sicurezza ucraini e del Consiglio della Tv e Radio nazionali, ha inserito Albano nella lista nera.

Albano nella lista nera dell'Ucraina: 'Minaccia alla sicurezza nazionale'

I media locali hanno riferito che il suo nome è ora parte della lista nera con altri 147 persone, che si considerano ‘minaccia alla sicurezza nazionale‘.

Albano nella lista nera dell'Ucraina: 'Minaccia alla sicurezza nazionale'

Alcuni rumors insinuano che il cantante pugliese non piace più all’Ucraina per ‘colpa’ di Putin. Come ha ricordato anche lo stesso Albano, nel 2004 lui ha cantato al Cremlino per festeggiare il Capodanno ed era seduto nello stesso tavolo con Putin e la sua famiglia.

Per non dimenticare l’evento più recente, novembre scorso, quando Albano ha cantato alla festa del centenario del Kgb. In quella occasione erano invitati anche altri cantanti.

Albano: Non sono un terrorista

Scioccato dalla notizia, il cantante ha subito preso le sue difese, dicendo che non è amico di Putin e nemmeno un terrorista.

“Non ho mai detto una parola contro l’Ucraina. Mai fatto neanche un apprezzamento. E’ inaccettabile che proprio io che canto da sempre la pace ora venga trattato come un terrorista. Non ho mai posseduto armi, neanche quelle mentali”