Petrolio in oltre 100 spiagge del Brasile

Petrolio in oltre 100 spiagge del Brasile
Foto a scopo illustrativo ©pixabay

Brasile, la costa nord-orientale colpita da una vasta chiazza di petrolio che si è espansa in diverse spiagge.

Come riferisce l’Ansa, la notizia è stata diffusa dall’Istituto brasiliano per l’ambiente e le risorse naturali rinnovabili (Ibama).

Inoltre, l’istituto riferisce anche che la marea nera si è espansa in 105 località di 48 comuni, e che Bahia è l’unico Stato del Nordest, che non è stato toccato finora.

Petrolio in oltre 100 spiagge del Brasile
 Foto a scopo illustrativo ©pixabay

Secondo un’indagine di Ibama, in collaborazione dei vigili del fuoco del Distretto Federale, ha rivelato che si tratta dello stesso petrolio che sta inquinando il litorale, ma che non ha Brasile come provenienza.
Fernanda Pirillo, coordinatrice di Ibama per le emergenze ambientali, lo ha definito un incidente mai accaduto:

Un simile incidente non era mai accaduto qui in Brasile. Di solito, le chiazze di origine sconosciuta, come questa, hanno scarso impatto e coprono solo uno Stato“.

Petrolio in oltre 100 spiagge del Brasile
Foto a scopo illustrativo ©pixabay

Il Brasile vanta spiagge enormi sull’Oceano. Alcune di esse sono più famose e piacevoli per la vita che si svolge in spiaggia, altre per lo scenario, l’acqua meravigliosa e la barriera corallina.

Petrolio in mare, incidenti o scarichi illegali

Ogni anno navi e industrie danneggiano il delicato ecosistema delle coste marine in diverse parti del mondo, rilasciando petrolio o inquinanti nei fiumi e nelle acque costiere.

Purtroppo, il mare aperto viene inquinato anche da olio minerale, e le cause più frequenti sono:

  1. Incidenti a petroliere e per questo si riversano in mare grandi quantità di petrolio
  2. Scarichi illegali di petrolio da parte delle navi, durante le loro ‘normali procedure operative’
  3. Infiltrazioni naturali di petrolio