Disoccupato per colpa della pandemia, Riccardo Ciullini da bagnino si reinventa stilista: nasce ‘Prince of The sea’

Disoccupato per colpa della pandemia, Riccardo Ciullini da bagnino si reinventa stilista: nasce 'Prince of The sea'

Disoccupato per colpa della pandemia il bagnino diventato stilista racconta per Firenze News come si è reinventato, ideando il suo marchio di abbigliamento.

Si chiama Riccardo Ciullini e ha 53 anni il bagnino che è in cassa integrazione dallo scorso marzo e che è tornato per un po’ al lavoro in estate come assistente per gli allenamenti degli atleti. Per Firenze News spiega che è uno dei tanti lavoratori in sofferenza che lavora in FIS per 9 ore settimanali in una piscina di Firenze.

Lui ha voluto riprovare e reinventarsi creando il suo marchio di abbigliamento chiamato Prince of The sea, che ha come protagonista un Marlin.

Tutto è cominciato durante il lockdown in primavera, quando Riccardo ha cominciato a elaborare la sua idea disegnando anche il logo stilizzato, il mitico pesce marlin, l’esemplare che raramente si avvicina alle coste.

Riccardo Ciullini:

“Ho scelto il marlin perché amo il mare e il marlin e’ l’essenza del mare essendo indomabile e incontenibile per ogni parco acquatico. Il Marlin per i miei ricordi adolescenziali legati all’avventura nel mare da 20000 leghe sotto i mari, Moby dick, Il vecchio e il mare, da dove ‘Prince of the sea‘ ha preso spunto. Per questo mio progetto ho fatto sfilare con le mie creazioni atleti, istruttori e bagnini, nonché qualche cliente. Mi auguro che questa mia speranza forse un tantino ambiziosa sia quella di tanti per ripartire da una situazione difficile”

Da una semplice idea, Riccardo Ciullini è riuscito a realizzare il suo sogno e registrare il suo marchio ‘Prince of the sea‘. Sono nati così t-shirt, giubbotti, felpe, pantaloni di taglio sportivo, giocati sul blu, bianco, rosso, nonché gadget, bracciali e occhiali.