Enrico Mazzone: l’artista italiano che disegna la Divina Commedia a matita, in un foglio 97 metri x 4

Enrico Mazzone: l'artista italiano che disegna la Divina Commedia a matita, in un foglio 97 metri x 4

Di Elvana Bilalaj

Enrico Mazzone è l’artista italiano che sta disegnando ‘La Divina Commedia‘ a matita, in un foglio gigante, 97 metri x 4. Un progetto unico che ha preso il via nel 2017.

Enrico Mazzone: l'artista italiano che disegna la Divina Commedia a matita, in un foglio 97 metri x 4.

L’artista italiano, che risiede in Finlandia, spiega che il suo lavoro si svolge a matita e figurativamente ha un taglio botticelliano, completato con la tecnica del puntinismo, al fine di sembrare un’antica incisione.

Il foglio è unica misura, quindi la peculiarità è quella di esporlo con questa lunghezza.

Dopo quasi un anno e mezzo di lavoro, Mazzone è finalmente arrivato a metà di questa insolita opera, ovvero 50 metri sono stati già compiuti.

Enrico Mazzone: l'artista italiano che disegna la Divina Commedia a matita, in un foglio 97 metri x 4

Secondo il talento italiano, stando a calcoli realistici, impiegherà ancora un altro anno e mezzo per giungere a 97 metri e concludere il disegno. Una volta completato, sarà portato in Italia nel gennaio 2021, facendo necessaria tappa a Torino, nella sua città natale.

Come lui stesso racconta, grazie alla società Dante Alighieri, avrà la possibilità di poterlo esporre in occasione delle celebrazioni dantesche, l’anniversario dei 700 anni dalla morte del Sommo Poeta. E tuttora la commissione sta discutendo sul luogo.

Enrico Mazzone spiega che anche il critico d’arte, nonché sindaco di Sutri, Vittorio Sgarbi è al corrente della sua situazione e anche se da lontano, è in costante attesa di ricevere aggiornamenti per quanto riguarda la sua opera.

Chi è Enrico Mazzone?

©photo E.Mazzone
Enrico Mazzone

L’artista che ha voluto raccontarsi così:

Nasce a Torino il 12 luglio 1982 e cresce vivace e curioso, in un clima familiare sereno e piacevole (come lo descrive l’artista) con l’affetto di papà Carmelo Mazzone e mamma Marina Danusso. Sottolineando anche l’affetto dei nonni che lo stimola molto, da ambo le parti.

Fin da bambino nutre interesse e curiosità per creature fantastiche, disegnando mostri ibridi, in modo naïf e con colori accesi, richiamando così l’apprensione delle maestre.

Dopo il liceo scientifico si indirizza verso l’Accademia di Belle Arti, scegliendo come disciplina la scenografia teatrale e una specialistica sulla teoria della forma (o Gestalt).

Nel 2007 chiude un ciclo, finendo gli studi a pieni voti.
Contemporaneamente agli studi ha iniziato a lavorare in alcuni ristoranti, svolgendo anche un corso supplementare all’Associazione Cuochi di Torino, curato da Lamberto Guerrer.

Nel 2015 viene chiamato da una residenza d’Artista a Rauma, in Finlandia, dove vive attualmente da ormai 4 anni.

Enrico Mazzone: ‘Qua sono rimasto dopo 4 anni, nonostante tutto, e oggigiorno posso permettermi di avere tra la mani un’opera che conservo con dignità e umiltà allo stesso tempo. Me ne rendo conto perché ci metto tutta la passione e la forza nel poterla completare per poterla riportare in Italia. Con la possibilità di poterla condividere con tutti quelli che vorranno ascoltare la mia storia.
Ho deciso di mettere nero su bianco in questo foglio da 97 x 4 metri, regalatomi dalla cartiera per eccellenza finlandese: l’UPM. Il tema che ho pensato si è materializzato dalle suggestioni avute dalla mia vita personale, (quasi devota allo stato celebrale emotivo), la distanza da casa e la malinconia, la solitudine ed il Genius loci del posto (laghi e foreste) si sono tradotte in Divina Commedia. E giusto a limite di tempo, avrò l’onore ed il piacere di presentare la mia opera in Italia, in occasione del 700nario di Dante Alighieri.

Enrico Mazzone: l'artista italiano che disegna la Divina Commedia a matita, in un foglio 97 metri x 4.