Gli hackers hanno documenti importanti, vorrebbero 42 milioni di dollari per non pubblicare “panni sporchi” di Trump

Gli hackers hanno documenti importanti, vorrebbero 42 milioni di dollari per non pubblicare "panni sporchi" di Trump

Gli hackers sarebbero in possesso di documenti importati di Donald Trump, per questo avrebbero chiesto 42 milioni di dollari per non pubblicare i così definiti, “panni sporchi di Trump“.

Gli hackers hanno documenti importanti, vorrebbero 42 milioni di dollari per non pubblicare "panni sporchi" di Trump
 ©foto pixabay

Come riferisce la rivista settimanale statunitense Variety i cyber criminali hanno postato sul dark web la richiesta di riscatto dopo aver violato il sistema informatico dello studio legale Grubman Shire Meiselas & Sacks.

Secondo la stessa rivista, oltre a Trump, tra i file rubati dagli hackers ci sono anche documenti che appartengono a diversi Vip, come Lady Gaga, Madonna, Bruce Springsteen, Christina Aguilera e Mariah Carey.

Il gruppo noto come REvil ha affermato di aver rubato 756 gigabyte di dati e al inizio avrebbe chiesto un riscatto di 21 milioni di dollari che poi sarbbero diventati 42 milioni.

Sicurezza violata: 773 milioni di mail rubate. E' ora di cambiare le password?
©pixabay

Loro hanno minacciato di pubblicare questi file se lo studio legale avrebbe rifiutato di pagare e avrebbero sostengono di aver già ricevuto una parte della somma richiesta, ovvero 365.000 dollari.

Ma lo studio legale, attraverso una nota, avrebbe dichiarato di essere in contatto con l’FBI e di non aver aver pagato alcun riscatto.

Grubman Shire Meiselas & Sacks: “Siamo stati informati da esperti e dall’Fbi che negoziare o pagare un riscatto a terroristi e’ una violazione delle leggi penali. Anche quando vengono pagati enormi riscatti, spesso i criminali fanno comunque trapelare documenti”.

Gli hackers avrebbero dichiarato che hanno dei documenti, ovvero dei “panni sporchi” che riguardano il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e che avrebbero pubblicato se non fossero stati pagati.

Ma a quanto pare Trump non è mai stato cliente dello studio legale GSMS, per questo motivo è completamente possibile o addirittura probabile che REvil stia bluffando.